Home » Tradizioni

Tradizioni

Ll’ùrdema Janàra, il nuovo racconto in dialetto montese tra storia, leggenda e fiaba

Ll’ùrdema Janàra[1] Era una fresca e piacevole mattina di fine marzo dell’anno 1968; il sole era pronto a levarsi ed i suoi primi raggi obliqui ravvivavano candidamente le creste degli alberi in fiore. Nel gran silenzio della Corricella si espandevano chiari i primi canti dei galli che riecheggiavano per tutta la collina. Graziano si muoveva a passo svelto ed in …

Leggi tutto »

Foto, Arcangelo e Nicola Pugliese vincono il palio marinaro dell’Assunta, categoria Maschi

Arcangelo Pugliese e Nicola Pugliese il palio marinaro dell’Assunta, categoria Maschile. Il gozzo di Arcangelo e Nicola, associato al rione Fore ‘a Torre, ha vinto con netto distacco rispetto agli altri 7 gozzi in gara. Le foto:

Leggi tutto »

Foto, Simona Scotto e Teresa Romeo vincono il palio marinaro dell’Assunta. La gioia delle due ragazze montesi

Simona Scotto e Teresa Romeo vincono il palio marinaro dell’Assunta, categoria donne, edizione 2019 battendo anche le più esperte vogatrici di Gaeta.

Leggi tutto »

“Òpere re Riévule”, il nuovo racconto in dialetto montese tra storia, leggenda e fiaba

‘Ngiulinèdda: <<Micalìì, Micalììì ‘u vèddo ha cantèto, è schiarèto juòrne. Ch’ì ha fò, ià jì a Nèpule o no?>> Micalìno: <<E còmme ch’uà jì, mo m’ajànzo sùbbeto e vàco c’arrancàta.>> ‘Ngiulinèdda: <<Tèngo n’uviciè chèddo chèddo, ‘u vuò?>> Micalìno: <<No, mègghjo re no. Miétte a ffò nu po’ r’uòrgio.>> Era la mattina del 3 settembre 1906 e mentre il sole incominciava …

Leggi tutto »

Festa della Mamma, gli auguri di Pino Lubrano che ci racconta lo strano “testamento del rimorso”

Festa della Mamma, Pino Lubrano ci racconta la vera storia dello strano “testamento del rimorso”. Video di Nico Massimo.

Leggi tutto »

L’amore ai tempi della “libbrétta”, un racconto montese tra storia, leggenda e fiaba

Era una calda domenica di settembre, l’alta pressione di origine africana concedeva una splendida giornata di sole, ma già dalle prime ore dell’alba l’umidità era alta ed a metà mattina iniziava anche a farsi sentire. Sul piazzale antistante la chiesa di Maria SS. Assunta in Cielo un nutrito gruppetto di bambini si divertiva a giocare a “spacca-strùmmolo” sulle pietre laviche …

Leggi tutto »

A Semmana muntese: nonna Maria racconta al nipotino le tradizioni montesi della Pasqua

L’obiettivo primario di questa rubrica, che si basa sulla pubblicazione in versione dialettale (e colorita) delle principali notizie pubblicate da montediprocida.com, è quello di conservare e diffondere il nostro dialetto riportandolo all’attenzione, soprattutto delle nuove generazioni. L’audio con la lettura dialettale e la straordinaria interpretazione dei “fètti” sono opera di un nostro compaesano d.o.c. che per il momento vuole restare anonimo. — ‘A …

Leggi tutto »

Monte di Procida, dialetto e curiosità: ritrèie, quièntere, zènzole e liupèrde

Attenzione: questo articolo potrebbe urtare la vostra sensibilità, se ritenete di essere “rèbbule re stòmmaco“, fermatevi qui! A doppio o triplo velo, lunga, morbida, profumata, così come la conosciamo oggi, la carta igienica, è un’invenzione abbastanza recente, risale al 1857, ma non venne accolta subito con molto entusiasmo. La gente si rifiutava di sciupare quei piccoli pezzetti di carta pulita …

Leggi tutto »

Monte di Procida dialetto e curiosità: sbregghie, trozzole, zaffaraca e cufenature

C’era un tempo, non troppo lontano, in cui il materasso era semplicemente un grosso sacco di tela a strisce detto appunto saccone, che veniva imbottito di “sbregghie“, cioè le foglie di pannocchie di granoturco o con la paglia o altro tipo di foglie o fibre vegetali. Questi materassi avevano il vantaggio di essere molto freschi d’estate anche se presentavano lo …

Leggi tutto »

A Semmana muntese: nonna Maria raccontata al nipotino il carnevale montese di tanti anni fa

L’obiettivo primario di questa rubrica, che si basa sulla pubblicazione in versione dialettale (e colorita) delle principali notizie pubblicate da montediprocida.com, è quello di conservare e diffondere il nostro dialetto riportandolo all’attenzione, soprattutto delle nuove generazioni. L’audio con la lettura dialettale e la straordinaria interpretazione dei “fètti” sono opera di un nostro compaesano d.o.c. che per il momento vuole restare anonimo. — ‘A …

Leggi tutto »