Home » Dialetto » ‘A Semmana Muntese, n.2 – Nuovi fattarielli in dialetto, letti ed interpretati da un montese d.o.c.

‘A Semmana Muntese, n.2 – Nuovi fattarielli in dialetto, letti ed interpretati da un montese d.o.c.


L’obiettivo primario di questa rubrica, che si basa sulla pubblicazione in versione dialettale (e colorita) delle principali notizie pubblicate da montediprocida.com, è quello di conservare e diffondere il nostro dialetto riportandolo all’attenzione, soprattutto delle nuove generazioni.

L’audio con la lettura dialettale e la straordinaria interpretazione dei “fètti” sono opera di un nostro compaesano d.o.c. che per il momento vuole restare anonimo.

Preparatevi ad un nuovo viaggio nel tempo…

Nota bene: sotto ad ogni “nutizia” c’è il player audio, cliccate sul simbolo del “play” (il tringolino bianco) ed ascoltate attentamente. In fondo alla pagina c’è il Glossario montese, che adesso permette di ricercare comodamente tutti i termini desiderati.

— 12 settembre

Novità all’incrocio del Cercone
Ioje ‘u chèpo ri guardie ru cumune ha itto ca mò, ‘ncoppo ‘u Cercòne, re carrozze senza cavè ca pruvènene ra fòre re Grùce nun anna tagghjò cchiù pe dènte a cassa marittima, ma ponn’ì reritto pe ‘ncoppo re chese o pe bèscio re fadde ru monte.
Però è nu fètto prussivorio sulo pe nuvanta juorne, pò se vere comme vò a fernì.
Ma parlanno cu criànza, chille nemmènco primmo re carrozze se ‘mbizzevano pa cassa marittima; re gruosso faceva una via reritto e fòre u Cercòne succereve sempe nu scumbino.

— 15 settembre

Lieve scossa di terremoto a Pozzuoli
I che jurnèta che schiarèta stamattina!
‘Ndimeno a Pèzzule a fètto nanda vonda ‘u tarramoto. ‘Na scutulièta piccerè, ma l’hanno ‘ntisa eccomme. Primma na botta e po’ tuttu nu trummuliccio sotto ‘i piere.
Pe furtuna nun è succièso niènde re che, ma se sò cachèto sotto ra paura, anno fètto a trezza ri vierme tuttu quènte. Eh, ma llò ce stò quaccòsa che nun vò. Stu Pezzule ca sagghiè e scenno, scenno e sagghie… arrevise ca succère ancò, nun te scurdò ca auènno a Maronna nun è asciuta i 15 r’austo.
E’ mal’aurie, è mal’aurie!

— 17 settembre

Nuovo collegamento con l’isola di Procida
Auènno, ra vèscio ‘u mare add’isula, se pò gghì sulo ‘ndì juorne re scòla e pò hanno miso ‘na varchetè ca pò ‘mbarcò sulo ‘i cristiène.  I prucetène sò currivo, se sò ‘ntussechèto malamente, pecchè nun ponno scennere cchiù ‘nterraferma ‘ncarrozza. C’i allàvene cu ‘i muntise, rìcièno ca ce simmo ‘mpuntèto.  Mofaddènno jèvene annènzo e arrèto nu sécco re vònde, mò sulo 4 curriàte ‘u journe …e pò ciònca.
‘A còsa bòna è ca nun c’è stò cchiù chiru varcòne fetùso ca affumechiève e allurdièva tutte còse.
Però mò, mènco cchiù ‘na messa a Pròceta ra rummèneca se pò gghì a sentì.

A seguire il glossario del dialetto montese. Utilizzate la funzione “Cerca” per ricercare i termini ed i detti desiderati. Al momento contiene circa 160 vocaboli che consentono di tradurre tutte le “nutizie” della “Semmana muntese“. Man mano si arricchirà sempre di più, anche grazie alle vostre segnalazioni e suggerimenti.

— Pasquale Mancino



 

Commenti:

Notizia interessante

Monte di Procida, arrestati 4 rom dopo inseguimento dei carabinieri nelle campagne montesi

Aggiornamento delle ore 20.30 Secondo le ultime notizie che siamo riusciti a reperire sembra che …