Home » Primo Piano » Il 24 maggio 1915: l’Italia si schiera nella Grande Guerra

Il 24 maggio 1915: l’Italia si schiera nella Grande Guerra

Il 24 maggio 1915 è una data di grande importanza nella storia dell’Italia, poiché segna l’ingresso del paese nella Prima Guerra Mondiale. Quel giorno, l’Italia dichiarò guerra all’Austria-Ungheria, rompendo così la sua neutralità e unendosi alle potenze dell’Intesa.

Le ragioni che portarono all’entrata dell’Italia nella guerra furono complesse e multifattoriali. Il governo italiano, guidato dal primo ministro Antonio Salandra, cercava di realizzare le ambizioni territoriali italiane nei confronti dell’Austria-Ungheria, in particolare riguardo alle regioni di Trentino, Trieste e Istria, che erano a maggioranza italiana ma erano ancora sotto il dominio austro-ungarico.

Il trattato segreto di Londra, firmato nel 1915 tra l’Italia, la Francia, la Gran Bretagna e la Russia, fu cruciale nel convincere l’Italia ad abbandonare la sua neutralità. In questo accordo, le potenze dell’Intesa promettevano all’Italia importanti compensazioni territoriali in cambio del suo supporto militare nella guerra contro l’Austria-Ungheria. L’Italia ottenne la promessa di ottenere il Trentino, il Tirolo meridionale, Trieste, parte dell’Istria e alcune isole dell’Adriatico.

Così, il 24 maggio 1915, l’Italia dichiarò guerra all’Austria-Ungheria. I primi mesi del conflitto furono caratterizzati da una serie di battaglie lungo il fronte italiano, da Gorizia al Trentino. La guerra sul fronte italiano si svolse principalmente nelle montagne, con aspre battaglie e duri combattimenti in condizioni estreme.

Durante la guerra, l’Italia dovette affrontare numerose difficoltà. Le condizioni sul fronte erano estremamente difficili, con le truppe italiane che dovevano affrontare il freddo, la neve, le valanghe e la mancanza di infrastrutture adeguate. Le perdite umane furono significative da entrambe le parti e le sofferenze dei soldati furono immense.

Nonostante le difficoltà, l’Italia riuscì ad ottenere importanti vittorie durante la guerra, come la conquista di Gorizia nel 1916 e la vittoriosa battaglia di Vittorio Veneto nel 1918 che portò alla disfatta dell’Austria-Ungheria e alla fine del conflitto.

L’entrata dell’Italia nella Grande Guerra ebbe profonde conseguenze per il Paese. La guerra provocò una grave crisi economica, con la sospensione delle importazioni e il razionamento dei generi alimentari. Inoltre, la guerra portò a una frattura nella società italiana, con tensioni tra coloro che sostenevano la guerra e coloro che si opponevano ad essa.

Da ricordare che durante la Prima Guerra Mondiale, sia l’Italia che l’Austria-Ungheria subirono pesanti perdite umane e sebbene le stime esatte delle vittime possono variare leggermente tra diverse fonti, per l’Italia, si stima che il numero totale di morti militari sia compreso tra 600.000 e 750.000 soldati; per l’Austria-Ungheria, le stime indicano che il numero totale di morti militari oscilla tra 1,2 e 1,5 milioni di soldati. Questi dati includono i decessi causati da combattimenti diretti, malattie, fame e altri fattori legati alla guerra.

Le perdite umane sostenute da entrambi i fronti testimoniano l’immenso prezzo pagato da entrambe le nazioni coinvolte nel conflitto e sottolineano l’entità della tragedia della Grande Guerra.

Anche Monte di Procida pagò un prezzo altissimo di sangue; sono infatti 60 i montesi che hanno dato la vita per la Grande Guerra. Scopri i loro nomi.

Una guerra è sempre una sconfitta per tutti i suoi protagonisti. Nonostante le ragioni che possono aver portato al conflitto, le conseguenze negative che ne derivano lasciano un’impronta indelebile sulla società, sottolineando la necessità di cercare vie pacifiche per risolvere le controversie e costruire un mondo migliore.

Notizia interessante

La paura corre sui social: due forti scosse consecutive e la voce dell’epicentro a Monte di Procida. Controlli in via V.Schiano

  Poco dopo le ore 13:25 di oggi 10 maggio 2024, due forti scosse sono …