Home » Ambiente » Acque di balneazione, luglio tra alti e bassi a Marina di Vita Fumo. I dati ARPAC

Acque di balneazione, luglio tra alti e bassi a Marina di Vita Fumo. I dati ARPAC

Nel corso del mese di luglio l’ARPAC ha eseguito già diversi prelievi nella zona di Marina di Vita Fumo.

Purtroppo gli esiti delle analisi del giorno 3 luglio hanno evidenziato una presenza alta di “Escherichia Coli” in quantità di 624 UFC (Unità Formanti Colonie) in 100ml di acqua. Il limite massimo consentito è di 500 UFC/100ml.

Escherichia coli è una delle principali specie di batteri coliformi che vivono, in simbiosi, nella parte inferiore dell’intestino dell’uomo e degli altri animali a sangue caldo, uccelli e mammiferi.

La ricerca di questi batteri è effettuata essenzialmente perché la loro presenza segnala condizioni di fecalizzazione.

In genere la presenza di Escherichia coli e di enterococchi è legata all’esistenza di scarichi diretti di fognature non depurate oppure scarichi mal depurati o mal disinfettati.

Va detto che la sopravvivenza microbica dell’Escherichia coli nelle acque di mare è comunque limitata ad un massimo di tre giorni. Diversi fattori, fortunatamente per noi, concorrono al loro decadimento naturale: la temperatura, l’ambiente salino, i raggi ultravioletti del sole, ect…

Infatti negli esiti delle analisi effettuato il giorno 11 luglio la concentrazione di Escherichia coli nella stessa zona di Marina di Fumo è ampiamente rientrata nei valori normali.

Commenti:

Notizia interessante

Astolfo consiglia Mostra a Pozzuoli fino al 18 dicembre

Industria e lavoro di fabbrica a Pozzuoli. Una Mostra da vedere Pozzuoli, Palazzo Toledo 21 …