Home » Campi Flegrei » Bacoli » BRADISISMO, LUNEDÌ ESERCITAZIONE, NUOVA ORDINANZA PER IL TRASPORTO BARCHE.VIDEO

BRADISISMO, LUNEDÌ ESERCITAZIONE, NUOVA ORDINANZA PER IL TRASPORTO BARCHE.VIDEO

BRADISISMO, LUNEDÌ ESERCITAZIONE DI PROTEZIONE CIVILE BACOLI NUOVA ORDINANZA PER IL TRASPORTO BARCHE.

ECCO LE PAROLE DEL SINDACO JOSI DELLA RAGIONE.

Difenderò la città. Ho letto, con stupore, che il TAR Campania ha sospeso la mia ordinanza di Protezione Civile con cui vieto il trasporto di barche grandi sul porto di Baia. Ed è una scelta che rivendico. Perché è una decisione con cui si difendono le nostre vie di fuga e di esodo, in un periodo già segnato da continui sciami sismici dovuti al bradisismo. Perché l’ho assunta per tutelare il popolo bacolese da oltre 10.000 passaggi in strada di trasporti eccezionale che paralizzano il traffico. Diretti verso il porto, per fare gratuitamente il varo ed alaggio di grosse imbarcazioni. Gratis. È una scelta che ritengo doverosa. Perché voglio tutelare le nostre case, le nostre pochissime arterie stradali. Perché non possiamo parlare di piano di evacuazione, se in tempi normali, per almeno sei mesi ogni anno, decine di migliaia di automobilisti sono bloccati da barche enormi che occupano tutta la carreggiata. Non una ogni tanto. Ma anche 250 passaggi al giorno. Tra via Terme Romane, via Fusaro, viale Vanvitelli, via Cuma, via Punta Epitaffio, via Lucullo. Uno scandalo. Davanti le scuole, davanti abitazioni ed attività commerciali. Davanti a siti archeologici continuamente sollecitati. Con rischi concreti per la vita delle persone. Ho letto con stupore l’ordinanza del TAR. Una decisione arrivata a poche ore dalla prima esercitazione nazionale di evacuazione che terremo lunedì nei Campi Flegrei. Leggo. “Il Sindaco di Bacoli non ha previsto un giusto bilanciamento tra l’attività commerciale e la prevenzione per il rischio sismico”. Così scrive il TAR. Per questo la mia scelta è stata ritenuta “sproporzionata”. Mentre esiste una legge nazionale Bradisismo. Mentre conviviamo con paure e scosse quotidiane. Mentre si chiede ai sindaci di adottare tutte le misure necessarie per tutelare la comunità, soprattutto sul fronte della prevenzione. Sono davvero stupito. Ma, da uomo delle istituzioni, rispetto la decisione del TAR. E la eseguo. Allo stesso tempo però, da Sindaco del popolo di Bacoli, ho il dovere di agire. E non esiterò mai a farlo. Mai. Assumendomi la responsabilità delle azioni che compio. Non resterò impassibile. A difesa delle famiglie, dei bambini, dagli anziani, della gente. Ho appena firmato una nuova ordinanza di Protezione Civile che vieta, in attesa di nuova regolamentazione, il varo ed alaggio di barche grandi nel nostro porto. A Baia. La costa della Campania è lunga. Fare arrivare qui, via terra, questi trasporti eccezionali è un rischio che Bacoli non si può permettere. Le barche possono e devono arrivare qui, ma via mare. Abbiamo strade strette e, spesso, poggiate su costoni. Queste stesse strade, sono vie di fuga. Devono essere protette. I trasporti eccezionali saranno consentiti solo dal martedì al giovedì, per due ore al giorno. Stop. Ho demandato il controllo a tutte le forze dell’ordine presenti sul territorio. Rispetto le istituzioni. E sono sicuro che, tutti, remiamo dalla stessa parte. Prima la sicurezza. Prima la vivibilità. Prima la prevenzione. Prima la comunità ed i suoi diritti sacrosanti. E poi tutto il resto. L’ho scritto all’inizio. Difenderò la mia città. Sempre. Insieme, siamo più forti. Un passo alla volta.

Notizia interessante

Ore 8:28, scossa di terremoto 3.6 al largo della costa di Bacoli

  Una forte scossa di terremoto è stata avvertita da tutta la popolazione flegrea, questa …