Home » Ambiente » Sabato 1 Aprile, Bust Buster a Bacoli: intervento di pulizia dei fondali del Lago Fusaro

Sabato 1 Aprile, Bust Buster a Bacoli: intervento di pulizia dei fondali del Lago Fusaro

Legalità – Ambiente – Cultura : i ragazzi dell’Area Penale di Napoli parteciperanno alle operazioni di pulizia dei fondali lacustri del Fusaro, nell’Area Flegrea. Per la prima volta i ragazzi dell’Area Penale di Napoli si immergeranno in un Lago per raggiungere i fondali lacustri!
Bust Busters il progetto di Legalità e Tutela del Patrimonio Ambientale con i ragazzi dell’Area Penale di Napoli, sbarca a Bacoli lungo la Costa Flegrea.
Alle ore 9 – per la prima volta – i ragazzi dell’Area Penale di Napoli entreranno nella Casina Vanvitelliana che ospitò personalità del calibro di Francesco II d’Asburgo – Lorena, ma anche Gioacchino Rossini, Luigi Einaudi. Sabato 1 Aprile, per la prima volta, i ragazzi dell’Area Penale di Napoli, divenuti sub, si immergeranno per raggiungere i fondali lacustri del Fusaro!
Giuseppe Centomani (Direttore del Centro Minorile della Campania): “Sono ragazzi dell’Area Penale di Napoli che tramite il progetto “Bust Busters” sono diventati sub. Dopo l’immersione avvenuta in Costiera Amalfitana con attività di tutela dei fondali marini, i nostri giovani saranno sulla Costa Flegrea. Sabato le operazioni si svolgeranno a Bacoli, alla presenza del sindaco Josi Della Ragione”.
Bust Busters, vede insieme: Marina Militare, Dipartimento di Giustizia Minorile della Campania, Corpo Militare dell’Ordine di Malta, Archeoclub D’Italia, MareNostrum. 
Aniello Cuciniello, (Capitano di Vascello della Marina Militare) : “Dalla Costiera Amalfitana alla Costa Flegrea per proseguire il progetto di legalità che vede protagonisti i ragazzi dell’area penale di Napoli, alle prese questa volta con un fondale atipico: quello del Lago del Fusaro”.
Francesca Esposito (Referente Attività Sociali di MareNostrum/Archeoclub D’Italia): “Bust Busters va avanti con sempre più forza  e sempre più interesse, siamo fieri di poter dire di essere diventati ormai una best practice italiana”. 
Alle operazioni parteciperanno i palombari della Marina Militare, i mezzi della Marina Militare, del Corpo dell’Ordine di Malta, i sub di MareNostrum, Asia e Arpa Campania. In contemporanea, invece, altri ragazzi dell’Area Penale di Napoli con i volontari di ArcheoClub D’Italia Napoli e MareNostrum, puliranno la parte in superfice.
Inizio operazioni – Sabato 1 Aprile – ore 9 – Lago del Fusaro – Casina Vanvitelliana – Bacoli.
“Dalla Costiera Amalfitana alla Costa Flegrea per proseguire il progetto di legalità che vede protagonisti i ragazzi dell’area penale di Napoli, alle prese questa volta con un fondale atipico: quello del Lago del Fusaro. Accompagnati dai Palombari della Marina Militare del nucleo Sdai di Napoli si cimenteranno nella pulizia di un ambiente nuovo: quello di un lago. Ma il filo conduttore non cambia: inclusione e tutela dell’ambiente sempre al primo posto”. Lo ha annunciato Aniello Cuciniello, Capitano di Vascello della Marina Militare.
– Alle ore 9 di Sabato 1 Aprile, i ragazzi dell’Area Penale di Napoli, entreranno nella Casina Vanvitelliana di Bacoli.
– Alle ore 10, avverrà la prima immersione. I ragazzi dell’Area Penale di Napoli divenuti sub tramite il progetto Bust Busters, raggiungeranno i fondali marini dell’Area Flegrea per dare vita ad una grande azione a tutela del patrimonio ambientale.
– Le attività si concluderanno alle ore 12.
Legalità, ambiente, cultura. I ragazzi dell’Area Penale visiteranno la Casina Vanvitelliana che ospitò personalità del calibro di Luigi Einaudi, Gioacchino Rossini,  Francesco II d’Asburgo – Lorena, ma la Casina Vanvitelliana è comparsa anche nel film “Ferdinando e Carolina” di Lina Wertmuller nel 1980 ed in numerose puntate della Fiction “Un Posto al Sole”.
Lungo la Costa Flegrea, Sabato 1 Aprile, con i ragazzi dell’Area Penale saranno i mezzi della Marina Militare e del Corpo Militare dell’Ordine di Malta. L’immersione avverrà con i palombari della Marina e gli Istruttori di Marenostrum.
“Bust Busters va avanti con sempre più forza  – ha dichiarato Francesca Esposito, Responsabile Attività Sociali di MareNostrum – Archeoclub D’Italia – e sempre più interesse, siamo fieri di poter dire di essere diventati ormai una best practice italiana. 
C’è da sottolineare però che ogni progetto riesce a volare alto solo quando Enti e terzo settore fanno rete, dialogando e progettando insieme. Ciò che spesso si vede in tv è solo una piccola parte del grande ingranaggio che ruota attorno a questa meravigliosa idea di vedere il mare di Napoli come un grande educatore e formatore. Ringraziamo gli agenti della penitenziaria e in modo particolare l’agente Federico Costigliola perché è stato per noi un supporto indispensabile, le comunità dove alcuni dei nostri ragazzi risiedono, per il dialogo costante e la collaborazione che non è mai mancata in tutti questi mesi, gli sponsor che ci consentono di puntare sempre più in alto, ma soprattutto consentiteci di ringraziare l’USSM di Napoli e il CGM per l’immenso lavoro che svolgono  con noi tutti i giorni. Bust Busters mi ha insegnato, ci ha insegnato, che solo facendo rete, possiamo raggiungere obbiettivi sempre più grandi e noi come Marenostrum di Archeoclub d’Italia ci crediamo fermamente”.
Legalità e Patrimonio Ambientale, poi i ragazzi parteciperanno ad iniziative con Università di Bolzano e con Venezia.
“La plastica raccolta dai nostri ragazzi è stata chiesta dall’Università di Bolzano che la trasformerà in suppellettili per la casa da illustrare alla Fiera del Mobile. A Venezia, invece, i nostri giovani sub parteciperanno alle attività di pulizia al Lazzaretto Nuovo.  Il progetto si chiama “Bust Busters”, acchiappa buste, perché i ragazzi dell’Area Penale di Napoli entrano, in questo modo, a far parte di quella catena di associazioni culturali divenendo così direttamente sentinelle anche morali e veri guardiani della conoscenza, dell’ambiente, dell’amore per il patrimonio culturale. Sabato, 1 Aprile, per la prima volta saremo al Lago del Fusaro, nell’Area Flegrea – ha continuato Giuseppe Centomani, Direttore del Centro di Giustizia Minorile della Campania – con le immersioni che avranno inizio in mattinata.  I ragazzi già formati si immergeranno mentre i nuovi cureranno la pulizia in superfice del Lago del Fusaro. Lo faranno con i palombari della Marina Militare, con i sub di MareNostrum, con i volontari di Archeoclub D’Italia”.
Per interviste:
Giuseppe Ragosta – Addetto Stampa Nazionale ArcheoClub Italia –  Tel 392 5967459.
In allegato la locandina

 

Area comunicazione istituzionale Comune di Bacoli

Notizia interessante

VIDEO Bacoli. Inaugurazione del bene confiscato di Via Silio Italico intitolato ad Alda Merini

Bacoli. Inaugurazione del bene confiscato di Via Silio Italico intitolato ad Alda Merini e destinato …