Home » Cronaca » Lettera di una cittadina montese lasciata a piedi sulla salita Torregaveta, dall’autobus di linea

Lettera di una cittadina montese lasciata a piedi sulla salita Torregaveta, dall’autobus di linea

Gentile Paco Smart scrivo a te che ormai sei diventato la prima fonte di informazione dei montesi, e grazie a te brutte accadimenti e non, sono alla portata di tutti noi che leggiamo i tuoi link assiduamente.Per questo ti chiedo di pubblicarne uno per denunciare ormai lo stato di degrado e le situazione assurde,per chi come me usufruisce giornalmente del servizio di navetta che va da Torregaveta a Monte di Procida . Oggi di ritorno da Napoli, dopo un viaggio estenuante causato dai soliti ritardi della cumana,prendo la navetta a torregaveta insieme ad altre tantissime persone, infatti un pulmann piccolissimo ospitava almeno 30 persone,numero per la quale sicuramente non è omolagato…ma va beh a questo ormai ci siamo abituati! Il fatto eclatante sta che tra i passeggeri erano presenti molti ragazzi dai 14 ai 16 anni che con la loro esuberanza e e sicuramente anche maleducazione mentre salivamo la tratta infastidivano il conducente del pulmann premendo il pulsante di “FERMATA A RICHIESTA”. Il conducente in risposta alla poca maturita dei ragazzini ha pensato bene di accostare al ciglio destro della strada spegnere il pulmann, ordinandoci di scendere a metà salita della strada che porta al nostro paese.Quando noi innocenti abbiamo chiesto il perchè avesse deciso letteralmente di lasciarci a piedi lui ha risposto che il mezzo si era improvvisamente rotto! Ma mio caro Paco ti assicuro che ciò è impossibile perchè io che ero letteralmente schiacciata alla cabina del conducente ho visto con i miei occhi che il mezzo funzionava benissimo e che era stato il conducente l unico colpevole di quel fermo perchè aveva semplicemente girato la chiave per spegnere il motore!!! Inutile dirti come sia finita la storia….tutti siamo saliti a piedi! Ora io mi chiedo:è vero che a volte la maleducazione dei ragazzi puo dare fastidio ma è possibile che un dipendente della sepsa si debba sentire in diritto di nn svolgere il suo lavoro e fare come gli pare???Ti prego di fare sapere questa storia…in modo che tutti possiamo ribellarci a queste persone che marciano sopra un sistema già in forte degrado,ma che loro contribuiscono senz’altro a rendere peggiore !!!
Francesca Scotto .
LETTA E PUBBLICATA il 14 marzo 2012

Commenti:

Notizia interessante

VIDEO – La Costituzione in Parole e Musica a cura del Prof. Giuseppe Nappi

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO    Il Prof. Giuseppe Nappi di Monte di Procida, ha realizzato un …