Home » Città metropolitana » Mare di Vita e di Storia due Montesi tra gli organizzatori e relatori, il ricordo di Giovanni Falcone, nato il 18 maggio

Mare di Vita e di Storia due Montesi tra gli organizzatori e relatori, il ricordo di Giovanni Falcone, nato il 18 maggio

Si è concluso il Progetto Culturale Mare di Vita e di Storia che ha visto un’ampia partecipazione di studenti e relatori. Il convegno è stato ospitato presso la sede Monumentale di Santa Maria La Nova, Napoli.  Il Progetto, voluto e sostenuto dalla Città Metropolitana di Napoli ha visto la partecipazione di: Marina Militare, Guardia Costiera,

 

Università degli Studi di Napoli Parthenope, Parco Archeologico dei Campi Flegrei, Area Marina Protetta Parco Archeologico della Gaiola. I numerosi interventi hanno reso evidente il percorso storico e gli effetti positivi prodotti nel tempo dalle azioni di tutela della Grande Risorsa Mare. Lo sviluppo delle Aree Marine Protette, il difficile e dinamico processo di fruizione delle aree archeologiche sommerse e la loro tutela, i lavori scientifici per lo studio del mare e i brevetti per la produzione di energia dal moto ondoso di cui il concittadino Antonio Scamardella è coautore oltre che docente dell’Ateneo Parthenope.

C’è stato inoltre un momento dedicato al ricordo della nascita del Giudice Giovanni Falcone già cadetto dell’Accademia Navale, che oggi 18 maggio avrebbe compiuto 84 anni. Il ricordo è stato affidato alle parole di uno degli organizzatori del Progetto “Mare di Vita e di Storia”, il concittadino Antonio Ramaglia. La Fondazione Falcone ha concesso il patrocinio al Progetto proprio in ragione del sentimento condiviso di presidiare la memoria e ricordare la nascita di un uomo-eroe la cui nascita ha fornito un nuovo corso all’affermazione della Giustizia e della Libertà nel nostro Paese.

Il Progetto ha altresì ricevuto il Patrocinio della Marina Militare che ha fortemente arricchito la proposta culturale della Città Metropolitana di Napoli in corrispondenza con la Tappa del Giro d’Italia, definita da molti commentatori la “più bella del mondo”, dando visibilità all’anniversario per i 90 anni del Corpo dei Palombari, da sempre impegnati nelle bonifiche di ordigni, per la sicurezza del mare e per sottrarre materiali bellici dalla disponibilità della criminalità. Nei giorni precedenti la tappa è stato visitato dalle scolaresche l’Incrociatore Francesco Mimbelli, giunto a Napoli proprio per il Progetto della Città Metropolitana, poi posizionato alla fonda nei pressi della Rotonda Diaz il giorno 11 maggio. La Nave Mimbelli ha mostrato di sé quella lunga tradizione marinaresca che dà lustro a tutto il nostro Paese e nelle parole del Comandante C.V. Massimiliano Carrino è stato mostrato il forte attaccamento ai valori più alti di e che rendono più coese le comunità.

Il Progetto, alla sua seconda edizione, segue il lavoro iniziato nell’Area Flegrea in collaborazione con la Nave Anteo a maggio del 2022.

https://www.rainews.it/tgr/campania/video/2023/05/il-giro-ditalia-visto-da-una-nave-della-marina-militare-51023173-f00a-41c4-bdcb-65c4848b10f6.html

https://www.marina.difesa.it/noi-siamo-la-marina/mezzi/forze-navali/Pagine/FrancescoMimbelli.aspx

 

https://www.facebook.com/citta.metropolitana.napoli

 

https://www.areamarinaprotettagaiola.it/

http://www.pafleg.it/

 

Notizia interessante

Un trionfo montese ed italiano a Saint-Tropez: la Janàra di “Vela Latina Monte di Procida” brilla nelle “Les Voiles Latines”

  Siamo entusiasti di annunciare un traguardo straordinario raggiunto dall’associazione Vela Latina Monte di Procida, …