Home » Campi Flegrei » La Protezione Civile sul rischio vulcanico: ecco cosa sapere e cosa fare per la propria sicurezza

La Protezione Civile sul rischio vulcanico: ecco cosa sapere e cosa fare per la propria sicurezza

Il dipartimento della Protezione Civile, attraverso la propria pagina facebook, sta invitando i cittadini ed i turisti che si trovano nei Campi Flegrei a dedicare 5 minuti per scoprire maggiore informazioni su questa area vulcanica e su cosa è bene sapere e cosa fare per la propria sicurezza.

Di seguito una sintesi della pagina web “IO NON RISCHIO – Cosa sapere – Campi Flegrei”:

1) Campi Flegrei:
– I Campi Flegrei sono una vasta area vulcanica attiva con una struttura detta “caldera”
– La caldera si estende da Monte di Procida a Posillipo e comprende una parte sottomarina nel Golfo di Pozzuoli
– Negli ultimi 15.000 anni si sono avute oltre 70 eruzioni che hanno formato edifici vulcanici, crateri e laghi vulcanici
– L’ultima eruzione, avvenuta nel 1538, ha dato origine al vulcano Monte Nuovo

2) Fenomeno del bradisismo:
– La caldera dei Campi Flegrei è caratterizzata dal fenomeno del bradisismo
– Le maggiori crisi bradisismiche si sono avute nei periodi 1969-1972 e 1982-1984
– Dal 2006 è in corso una nuova fase di sollevamento del suolo che, in 16 anni, si è innalzato di circa un metro

3) Possibili fenomeni in caso di eruzione:
– Formazione di una colonna eruttiva composta da gas, brandelli di lava incandescenti e ceneri
– Caduta di materiale vulcanico, sia di grosse dimensioni nell’area più vicina alla bocca eruttiva, sia di ceneri e lapilli a diverse decine di chilometri di distanza
– Generazione di flussi piroclastici, valanghe ad alta temperatura e velocità che superano i bordi della caldera
– Esplosioni freatiche, particolari esplosioni che si verificano in aree ad intensa attività idrotermale
– Colate di fango formate da cenere vulcanica e acqua

4) Possibilità di previsione di un’eruzione:
– Sistema di monitoraggio vulcanico attivo ai Campi Flegrei
– Variazioni dei parametri del monitoraggio potrebbero anticipare un’eruzione
– Non è possibile prevedere con certezza quando, come e dove avverrà la prossima eruzione

5) Funzionamento dell’allertamento:
– Specifici livelli di allerta che descrivono lo stato di attività del vulcano
– Livelli di allerta verde, giallo, arancione e rosso
– Durata di ogni livello di allerta variabile

6) Piano di protezione civile:
– Misura di salvaguardia per la zona rossa: allontanamento della popolazione
– Misura di salvaguardia per la zona gialla: valutato a evento in corso
– Piano di protezione civile a livello nazionale

7) Zone a rischio:
– Zona rossa: area esposta alla possibile invasione di flussi piroclastici
– Comuni inclusi nella zona rossa: Pozzuoli, Bacoli, Monte di Procida e Quarto
– Zona gialla: area esposta al pericolo di ricaduta di lapilli e ceneri vulcaniche
– Comuni inclusi nella zona gialla: Villaricca, Calvizzano, Marano di Napoli, Mugnano di Napoli, Melito di Napoli, Casavatore

8) Allontanamento dalla zona rossa:
– Le persone possono allontanarsi autonomamente in preallarme e ricevere un contributo economico
– In allarme, la popolazione può decidere di allontanarsi con mezzo messo a disposizione dallo Stato

9) Procedure di allontanamento:
– Lo spostamento deve essere comunicato al Comune e si devono seguire i percorsi previsti
– La popolazione può trasferirsi autonomamente o usufruire della sistemazione offerta nella Regione o Provincia Autonoma gemellata

10) Mezzi di trasporto:
– Chi decide di allontanarsi con i mezzi messi a disposizione dallo Stato, si deve recare nell’area di attesa
– Il trasferimento verrà assicurato dai pullman della Regione Campania o mezzi di trasporto individuati dalla pianificazione

11) Informazioni generali:
– Verifica se ti trovi nella zona rossa o gialla dei Campi Flegrei
– Le eruzioni possono essere precedute da terremoti e i gas vulcanici possono essere pericolosi

Link alla pagina ufficiale “Cosa sapere – Campi Flegrei”: https://www.iononrischio.it/it/rischi/vulcani/campi-flegrei/cosa-sapere/

Di seguito una sintesi della pagina web “IO NON RISCHIO – Cosa fare – Campi Flegrei”:

1) Conoscere il rischio e il Piano di protezione civile:
– Chiedi al tuo Comune informazioni sul Piano di protezione civile per sapere quali sono le vie di allontanamento e le aree di attesa.
– Tieniti costantemente aggiornato sullo stato di attività del vulcano consultando siti web e social media istituzionali.

2) Prepararsi ad affrontare un’eventuale emergenza:
– Segnala al tuo Comune se hai bisogno di particolare assistenza per le persone con disabilità o anziani.
– Verifica che la tua casa sia sicura e adotta le precauzioni necessarie per eliminare situazioni pericolose.

3) Partecipare alle iniziative informative e di esercitazione:
– Partecipa agli incontri informativi sul rischio vulcanico organizzati sul tuo territorio.
– Partecipa alle esercitazioni per essere preparato ad affrontare un’emergenza.

4) Fase di attenzione:
– Durante la fase di attenzione, sii consapevole dei pericoli come il bradisismo e il degassamento dal suolo.
– Evita le zone e le strutture depresse dove possono accumularsi gas vulcanici e segnala situazioni pericolose al Comune.

5. Vivere in zona rossa:
– Richiedi informazioni sul Piano di protezione civile e valuta l’opzione di trasferirti in un’abitazione alternativa.
– Segnala al Comune se hai esigenze di assistenza speciali per l’allontanamento e la sistemazione.

6) Fase di preallarme:
– Preparati per le operazioni complesse che avvengono durante questo periodo nella zona rossa.
– Se decidi di allontanarti, pianifica il trasporto e prepara le cose essenziali da portare con te.

7) Vivere in zona gialla:
– Assicurati di avere provviste di emergenza come mascherine, cibo e acqua.
– Se hai patologie respiratorie o cardiovascolari, consulta il medico per proteggere la tua salute.

8) Fase di allarme:
– Durante questa fase, segue le istruzioni delle autorità di protezione civile per allontanarti dalla zona rossa.
– Prepara una valigia con le cose essenziali e chiudi porte, finestre, gas, acqua ed impianto elettrico prima di uscire.

9) Evacuazione temporanea in zona gialla:
– Se vivi in zona gialla, preparati a un’eventuale evacuazione temporanea.
– Durante l’eruzione, tutte le persone in zona rossa hanno trovato alloggio fuori dalle zone a rischio o sono state trasferite in regioni gemellate o province autonome.

10) Precauzioni durante la ricaduta delle ceneri vulcaniche:
– In caso di abbondante ricaduta di cenere vulcanica, su richiesta delle autorità di protezione civile, devi allontanarti temporaneamente dalla tua abitazione e ti verrà assegnato un alloggio all’interno del tuo comune o in un comune della regione Campania.
– Prima di bere l’acqua del rubinetto accertarsi che non vi siano ordinanze o avvisi comunali che lo vietino; lavare gli alimenti che sono venuti a contatto con le ceneri vulcaniche.

Link alla pagina ufficiale “Cosa fare- Campi Flegrei”: https://www.iononrischio.it/it/rischi/vulcani/campi-flegrei/cosa-fare/

Notizia interessante

Terremoto a Lucrino e vertice sulla sicurezza territoriale con il ministro Musumeci

In una mattinata segnata da eventi significativi per la sicurezza e il monitoraggio del territorio, …