Home » Arte » Casina Vanvitelliana dal 27 ottobre al 27 novembre la mostra collettiva  “Legami”

Casina Vanvitelliana dal 27 ottobre al 27 novembre la mostra collettiva  “Legami”

“Legami”

– progetto espositivo del gruppo Se Dici Mani –

 

Da pomeriggio di Giovedì 27 ottobre (ore 18,30-20,30) fino al 27 novembre 2022, alla Casina Vanvitelliana, nel Parco Borbonico del Fusaro,  è visitabile la mostra collettiva  “Legami“,  progetto espositivo del gruppo Se Dici Mani formato dalle artiste Anna Crescenzi, Mina Di Nardo, Consiglia Giovine e Anna Maglio.

Il critico d’arte Luigi Fusco, che interverrà nella sera del vernissage alle ore 19,30, circa l’esposizione, tra l’altro, afferma che: “ … Il progetto Legami è fortemente dedicato alla narrazione degli elementi culturali e paesaggistici di Procida, con l’intento di collegarli al resto del mondo. L’articolazione di questo sofisticato e prezioso intervento si traduce in una grande scultura di carta. L’opera è grande, le sue dimensioni sono 2,40 x 5 m. La sua forma è ondulata, vi sono difatti dei rilievi che rappresentano i segni prodotti dalle onde del mare sulla sabbia. Le parti in oro che si stagliano sono invece pregevoli tecnicismi che emergono grazie a fogli attaccati e la loro presenza serve a riprodurre i bagliori che vengono emanati dai riflessi dell’acqua.

Questi episodi di arte raccontata visivamente sono da intendersi come il frutto di una serie di esperienze condotte da “mani” differenti che ad un certo punto hanno deciso di legarsi e di produrre in maniera unisona.

Da questo programma prende infatti principio la poetica espressa dal gruppo “Se Dici Mani”, la cui valenza risponde pienamente a specifiche manifestazioni culturali. Per Legami, come già accaduto in altre occasioni, le sodali di “Se Dici Mani” sono state in grado di riaffermare nella scultura realizzata modelli armonici e minimali, corredata, a sua volta, da dieci scatti in bianco e nero che svelano liriche immagini di pesci, piedi e gambe si rincorrono e si incontrano lungo la battigia, rinnovando quella sensibilità figurativa che riporta ancora una volta al concetto di legame: dell’uomo con la natura, ma anche con se stesso.

Tutto questo altro non è che la risultanza di un candore primordiale messo in luce da autrici che provano a fare arte in maniera evergetica, abbandonandosi, nel contempo, alle pulsioni e alle passioni sciamaniche.

Anna Crescenzi, Mina Di Nardo, Consiglia Giovine e Anna Maglio sono nuovamente di un intenso momento d’arte, concepito nella sua forma più pura e destinato, già nella sua forma primordiale, agli spazi espositivi della storica Casina Vanvitelliana di Bacoli; ma, al di là della progettualità messa in campo, il loro operato dona a noi tutti un’emozione fatta di percezioni, di sensibilità rivelata e di immagini che restano impresse nella nostra psiche più recondita, entrando a far parte del nostro bagaglio dei ricordi che, come in un eterno presente, ci riconduce alle dolci onde del mare che bagnano l’isola di Procida: terra di antichi legami. “ .

 

La mostra è patrocinata dal Comune di Bacoli ed è curata, da Antonio Ciraci.

Sarà visitabile tutti i venerdì e sabato dalle ore 17.00 alle 20.30 e le domeniche, dalle ore 10.00 alle 13.00 e dalle 17.00 alle 20.30.

Notizia interessante

Vagamente Procida – Guida inaffidabile sulle tracce dell’isola, di Antonio Carannante

Vagamente Procida – Guida inaffidabile sulle tracce dell’isola è un libro che contiene una serie …