Home » Arte » Casina Vanvitelliana. si conclude la mostra del Collettivo Opus.

Casina Vanvitelliana. si conclude la mostra del Collettivo Opus.

Così si conclude la mostra del Collettivo Opus continuum presso la Casina vanvitelliana. “Noi che tignemmo il mondo di sanguigno”: mostra erotica scaturita dal quinto canto dell’inferno dantesco.
Oggi la casina si trasforma in atelier. Casa dell’arte. Come al tempo di Michelangelo, Raffaello. Non solo un momento estetico. L’ARTE È TALE QUANDO RACCONTA UN IDEALE; ESPRIME VALORI; SOLLECITA RIVOLUZIONI. I nudi michelangioleschi della Cappella sistina “dovettero indossare” dei mutandoni…e dopo secoli con l’ultimo restauro è stata data piena dignità ad un’ opera unica che racconta la fine di ogni cosa. Nella nudità delle creature e del Creatore.
Ancora oggi abbiamo bisogno di arte che provoca e che racconta la vita come una opportunità di libertà. Grazie a tutti gli artisti di Opus continuum. Bacoli si propone città d’arte. All’ avanguardia. Nella tradizione!

Notizia interessante

BACOLI, FLEGREA LAVORO: E’ INIZIATA LA RACCOLTA GRATUITA DI RIFIUTI INGOMBRANTI A DOMICILIO

BACOLI, FLEGREA LAVORO: DAL 1° DICEMBRE RACCOLTA GRATUITA DI RIFIUTI INGOMBRANTI A DOMICILIO   L’Amministratore …