Home » Spettacolo » L’ultimo uomo che dipinse il cinema “Un viaggio nel cinema con le opere di Renato Casaro”. Di Assunta Esposito

L’ultimo uomo che dipinse il cinema “Un viaggio nel cinema con le opere di Renato Casaro”. Di Assunta Esposito

Di Assunta Esposito – L’ultimo uomo che dipinse il cinema ‘Un viaggio nel cinema con le opere di Renato Casaro’.

Un viaggio nel cinema dagli anni 60 ai novanta è quello che Walter Bencini (produttore e regista di film documentari per la sua casa di produzione l’Insekt film), ci costringe a fare con il meraviglioso documentario “L’Ultimo uomo che dipinse il cinema”, sulla vita e le opere di Renato Casaro.

Renato Casaro, il trevigiano che, con la sua arte pittorica e dell’illustrazione, ha prodotto i Manifesti del cinema italiano e americano, dai colossal a quelli più effimeri.

Il film con la narrazione dello stesso Renato Casaro, ma anche di registi e produttori che l’hanno conosciuto e con cui ha collaborato, ci conduce a comprendere l’arte dell’illustrazione applicata a quella cinematografica. Nato in quanto artista e autore di manifesti negli anni 60, le testimonianze consentono di comprendere tutto il mondo del lavoro che si sviluppò in quel periodo a Roma grazie a Cinecittà. Alternando le testimonianze di ciascuno alle immagini del Manifesto lo spettatore è catapultato nello sfavillante mondo del cinema e nell’entusiasmo e nella creatività che vi si respirava.

Gli anni 60: boom economico in Italia, mentre a Milano si assiste all’industrializzazione, che poi verrà rappresentata nel film Miracolo a Milano, a Roma il cinema costituirà il volano dell’economia della città. E’ proprio questo narrare, di quel brulicante mondo di lavoratori che contribuivano a far si che un grande film nascesse, di quella perizia, di quell’entusiasmo e perfezionismo, il collante di tutta la vicenda di cui Renato Casaro ci parla.

“Il film è il mio hobby. Il mio hobby è il mestiere. Il mestiere è la mia vita e la mia vita è un film”. – ci dirà Renato Casaro introducendo il film.

E un film è stata la sua vita sia, per il lavoro interessante e meraviglioso che ha svolto, i professionisti con cui ha collaborato, come B. Bertolucci, D. De Laurentis, F. F. Coppola, D. Argento, i fratelli Vanzina e tantissimi altri, ma soprattutto per la sua capacità creativa che ha visto perfezionare il suo talento, attraverso una disciplina certosina di continua ricerca e sperimentazione di stili, di immagini, di linguaggi.

Il suo stile attraverserà le tecniche pittoriche più belle, partendo dall’impressionismo fino a giungere all’iperrealismo quando poi negli anni 90 si adopererà nell’uso dell’aerografo. Come asserirà Vittorio Cecchi Gory: “le sue immagini hanno il senso del movimento, le persone o le cose si muovono.” Lui cattura con un’immagine il senso più profondo del film.

Il suo è il racconto di un sogno, il sogno di un ragazzo che aveva un talento, quello del disegno e della pittura e che è diventato realtà, che è anche il sogno di più di una generazione: quella che ha creduto nel cinema e l’ha trasformata in un’industria culturale.

Nell’epoca dell’Opera d’arte nell’era della sua riproducibilità tecnica per citare W.Benjamin, Renato Casaro è riuscito con il suo lavoro e la sua immaginazione a riprodurre in un Manifesto il Cinema! L’Ultimo uomo che dipinse il cinema lo trovate in streaming. Buona visione!

Assunta Esposito

 

Notizia interessante

MONTEDIPROCIDA2023. OTTAVIO BIANCHI AL “LAVINIUM” DI TORREGAVETA

Monte di Procida 2023 , ‘ ‘ . – – ̀ . ̀ 2 ̀ …