Home » Ambiente » MONTE DI PROCIDA. PRENDIAMOCI CURA DEL NOSTRO PAESE INTERVISTA AL SINDACO. VIDEO

MONTE DI PROCIDA. PRENDIAMOCI CURA DEL NOSTRO PAESE INTERVISTA AL SINDACO. VIDEO

MONTE DI PROCIDA. IL SINDACO PEPPE PUGLIESE :PRENDIAMOCI CURA DEL NOSTRO PAESE .

care concittadine, cari concittadini,
Non è mia intenzione creare apprensione o ancor peggio allarmismo. Tuttavia è evidente il cambiamento climatico in atto.
Negli ultimi anni incendi, alluvioni, eventi meteo estremi hanno interessato anche Monte di Procida devastando le alberature in via Panoramica, danneggiando immobili e strade e procurando frane.
Il nostro territorio è molto vulnerabile per sua stessa natura ed inoltre l’urbanizzazione incontrollata ha generato un considerevole aumento di ruscellamenti e smottamenti.
È il momento della responsabilità, ma responsabilità di tutti, nessuno escluso.
L’amministrazione ha in corso interventi strategici di riqualificazione dei sottoservizi, delle fogne e di recupero delle aree verdi.
Ma anche tutti i cittadini debbono provvedere ad una attenta manutenzione e ad una corretta regimentazione delle acque sugli spazi di propria competenza, per eliminare potenziali situazioni di pericolo per sé e per gli altri.
Ho firmato un’ordinanza che dispone attività urgenti a tutela del nostro territorio.
Questi i punti essenziali:
1. I fondi rustici devono dotarsi di “canali o scoli” con pendenze interne per il convogliamento e lo smaltimento delle prime acque meteoriche;
2. Nelle aree di pertinenza dei fabbricati è necessaria la raccolta delle acque meteoriche in pozzetti e canalizzazioni per il loro deflusso. Le aree vanno mantenute pulite e rese “idonee all’uso”;
3. Sui fondi limitrofi o frontisti a strade ad uso pubblico, è necessario evitare invasione dei marciapiedi e delle sedi stradali da parte di arbusti e vegetazione varia nonché terra e detriti, occasione di pericolo per autoveicoli e pedoni;
4. È obbligatorio eliminare scarichi pluviali ed irrigui, provenienti dai terreni, dai piazzali e dalle superfici coperte delle serre che sversano, senza autorizzazione, direttamente o indirettamente le acque sulle strade pubbliche, nelle cunette e nei fossi di pertinenza stradale.
5. Ai sensi del D.lgs. n. 285/92, chi ha diritto di condurre acque non inquinate e fluenti, che scorrono per morfologia del terreno nei fossi delle strade, sono tenuti alla conservazione e pulizia dei fossi. In difetto devono corrispondere all’ente proprietario della strada le spese per la manutenzione del fosso e per la riparazione di eventuali danni non causati da terzi.
Per quanto riguarda gli agricoltori e possessori a vario titolo dei fondi, nonché i proprietari, enti pubblici e privati, possessori a vario titolo dei diritti di canali, incisioni e compluvi naturali, canali ed altri corsi d’acqua che attraversano Monte di Procida, l’ordinanza prevede che provvedano:
1. All’asportazione, dai corsi d’acqua o dalle opere idrauliche, di tutto il materiale depositato dalle acque di piena (vegetali, terra, fango, sabbia e ghiaia) collocando lo stesso sugli argini;
2. Alla realizzazione, qualora mancanti, di adeguate e idonee opere idrauliche per la raccolta delle acque meteoriche rilasciate dai terreni di propria competenza;
3. Al ripristino, mediante pulizia e/o adeguamento delle sezioni, dell’efficienza idraulica delle opere sottostanti ai passi carrai privati, di raccordo fra canali d’acqua a cielo aperto;
4. Ogni qualvolta sia necessario, alla rimozione dall’alveo del corso d’acqua di ogni ostacolo che impedisca il normale deflusso delle acque o che possa modificarne il livello;
5. Al mantenimento delle sponde dei fossi in modo da impedire fenomeni di franamento del terreno, in particolare chi è prossimo a costoni e dirupi deve assicurarsi che le acque meteoriche non dilavano lungo gli stessi rischiando di comprometterne la stabilità;
6. Alla manutenzione periodica e pulizia delle ripe, rive, alvei da erbe infestanti, rovi e rifiuti nel rispetto delle normative vigenti nonché della vigente ordinanza sindacale per la prevenzione incendi.
Le violazioni all’ordinanza comporteranno sanzioni e responsabilità a norma di legge.
Sono certo che anche in questa occasione vi dimostrerete diligenti e collaborativi, nell’interesse di tutti.
PRENDIAMOCI CURA DELLA NOSTRA MONTE DI PROCIDA 🧡

Notizia interessante

Collegamenti con le isole, il futuro è negli idrovolanti per decongestionare il traffico su gomma e salvaguardare l’ambiente

28/10/2021 – Per sviluppare il turismo costiero con un occhio alla mobilità sostenibile, decongestionando il …