Home » Opinioni » Pino Lubrano scrive al ministro della cultura on. Dario Franceschini per una richiesta molto interessante

Pino Lubrano scrive al ministro della cultura on. Dario Franceschini per una richiesta molto interessante


Preg.mo On. Dario Franceschini
Ministro della Cultura

Desidero esprimerle, innanzitutto, le mie piu’ vive felicitazioni, e quelle della Associazione che presiedo, per la riconferma a Ministro della Repubblica Italiana in un campo nel quale ha dimostrato di fare STRAORDINARIAMENTE BENE, innovando un settore importante per lo sviluppo del Paese.

Convenevoli a parte, ma sinceramente sentiti, chi Le scrive e’ un vecchietto “molto giovane” che ha una grande passione: l’amore per la PROPRIA TERRA.

Cio’ stante, sono qui a chiederLe, con umilta’ ma con grande forza d’animo, Il Suo autorevolissimo aiuto affinche’ per l’anno 2022 il GIRO d’ ITALIA possa attraversare la mia citta’, MONTE DI PROCIDA, ed i mitici CAMPI FLEGREI, con BACOLI e POZZUOLI.
Chi meglio e piu’ di Lei conosce ed ama i beni archeologici di questa “terra ardente”!

L’invito fonda sulle seguenti rilevanti motivazioni:

a) Nel 1977 i Campi Flegrei furono attraversati da una gara a cronometro del Giro d’Italia, con arrivo a Monte di Procida.

b) Nel 2022, l’isola di Procida sara’ capitale della Cultura (7 minuti di traghetto da Monte di Procida).

c) Rivisitazione in primo piano di tutto il patrimonio paesaggistico ed archeologico dei Campi Flegrei, famosi nel mondo intero.

d) L’evento produrrebbe linfa vitale per il volano economico dell’intera area, con particolare riferimento al comparto turistico.

Signor Ministro, La prego: riconoscendoLe nobilta’ d’animo, ponga mano all’umano sentimento di contribuire alla gioia di questa splendida comunita’ che sapra’ riconoscere il Suo impegno, e che la aspetta a braccia aperte per tributarLe unamine riconoscimento e consegnarLe una targa ricordo.

Garzie, grazie, grazie. Per quanto certamente vorra’ fare.

Monte di Procida, 18 Febbraio 2021

Il Presidente
Pino Lubrano

Notizia interessante

Pino Lubrano scrive al direttore EAV/SEPSA: “Continua il danno ambientale e spreco di risorse!”