Home » CoronaVirus » Monte di Procida, le scuole resteranno chiuse fino al 29 novembre. L’ordinanza del sindaco n.53 del 20 novembre 2020

Monte di Procida, le scuole resteranno chiuse fino al 29 novembre. L’ordinanza del sindaco n.53 del 20 novembre 2020

IN VIA PRECAUZIONALE AL FINE DI CONTENERE LA DIFFUSIONE DEL CONTAGIO, TEMPORANEAMENTE CON DECORRENZA IMMEDIATA E FINO ORE 23,59 DEL 29 NOVEMBRE

La sospensione delle attività didattiche di ogni ordine e grado; restano comunque consentite in presenza le attività destinate agli alunni con bisogni educativi speciali e/o con disabilità, previa valutazione da parte dell’Istituto scolastico delle specifiche condizioni di contesto e in ogni caso garantendo il collegamento online con gli alunni della classe che sono in didattica a distanza;

FINO ALLE 23,59 DI DOMENICA 29 NOVEMBRE 2020

– il divieto di accesso sul territorio comunale e il divieto di svolgimento sul territorio comunale agli esercenti le attività di vendita ambulante, vendita porta a porta, procacciatori d’affari, con esclusione dei servizi di consegna a domicilio ;

-il divieto su tutto il territorio comunale del volantinaggio;
-la proroga dell’ordinanza n. 48 del 3-11-2020 riguardante il lavoro agile del Comune;

FINO A NUOVA DISPOSIZIONE
E’ fatto divieto ai minori di 18 anni, dalle ore 18,00 alle ore 22,00 di ogni giorno, di circolare nei luoghi pubblici senza essere accompagnati da un genitore/ altro adulto
familiare o altro adulto abitualmente convivente o deputato alla loro cura; l’accompagnatore dovrà vigilare sul rispetto da parte di questi delle disposizioni sul distanziamento fisico e sull’utilizzo dei DPI.
Fermi restando i divieti imposti dal DPCM vigente e richiamato in particolare l’obbligo di permanenza presso il proprio domicilio in caso di sintomi associati al COVID-19, si ricorda
che l’accompagnatore ha anche la responsabilità della valutazione dello stato di salute proprio e del minore (automonitoraggio condizioni di salute)

RACCOMANDA
Fermo l’obbligo di indossare la mascherina, la stessa deve essere indossata correttamente, ovvero deve coprire dal mento al di sopra del naso: un utilizzo non corretto della mascherina, come ad esempio tenerla sotto il mento o lasciando scoperto il naso, equivale a non indossarla e configura inottemperanza alle prescrizioni imposte per contenere il diffondersi dell’emergenza
epidemiologica.
L’obbligo di corretto utilizzo è esteso a qualsiasi altro dispositivo di protezione delle vie respiratorie utilizzato.
In particolare si raccomanda all’interno degli esercizi di ristorazione e bar di abbassare la mascherina per il tempo strettamente necessario per la consumazione al banco o al tavolo e di
indossarla per il tempo rimanente in particolare in presenza del personale che presta servizio ai tavoli e al banco.

Si raccomanda comunque di limitare al massimo le uscite, in particolare con riferimento alle abitazioni private, secondo quanto disposto dal DPCM 4/11/2020, è fortemente raccomandato di
non ricevere persone diverse dai conviventi salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza.

L’ordinanza n. 53 del 20 novembre 2020

Notizia interessante

CoronaVirus, 1.842 nuovi positivi in Campania su 19.759 tamponi; il rapporto scende al 9,32%

Positivi del giorno: 1.842 di cui: Asintomatici: 1.657 Sintomatici: 185 Tamponi del giorno: 19.759 Totale …