Home » Campi Flegrei » Bacoli » Varato a Baia il nuovo Fiart 43 Seawalker nuovo gioiello dello storico cantiere di Bacoli.

Varato a Baia il nuovo Fiart 43 Seawalker nuovo gioiello dello storico cantiere di Bacoli.

BAIA BACOLI. Varato il nuovo Fiart 43 Seawalker all’interno della storica sede dove, in 60 anni di attività, Fiart Mare ha prodotto migliaia di imbarcazioni.

Con il 43 Seawalker, Fiart Mare rilancia quel fortunato concept di barca mediterranea già proposto con il Fiart 33 Seawalker, un modello perfettamente in grado di assolvere alla sua funzione nell’uso giornaliero o per fare crociera veloce. Lungo m 13,84 per 3,99 di larghezza, 43 Seawalker ha un design di coperta walkaround caratterizzato da un allestimento modulare e al suo interno propone due vere cabine: a prua con letto matrimoniale, a poppa con letti singoli affiancati, ambedue servite da un grande bagno con box doccia separato.

Trait d’union fra Fiart Mare e l’armatore, un cliente francese, è stato il Gruppo OMV Yachting, organizzazione che opera in Costa Azzurra dalle sedi di Port Grimaud e di Saint-Tropez. Il suo apporto è stato importante per poter mediare fra le capacità di personalizzazione del cantiere e le necessità del cliente che per la sua barca ha scelto un pozzetto caratterizzato da un lay-out dove l’allestimento prevede, oltre a un grande prendisole, un divanetto e due tavoli mobili, capaci di rendere gli spazi più versatili. Tra gli optional presenti sul primo Fiart 43 Seawalker c’è anche la grande plancia di poppa con movimentazione elettroidraulica che immergendosi, oltre che agevolare l’acceso al mare, facilita il varo e l’alaggio del tender di bordo.

Fra le sei le configurazioni disponibili in termini di propulsioni e motorizzazioni – tre con piedi poppieri Volvo Penta, D4 e D6, e tre con gli IPS Volvo Penta, serie 500, 600 e 650 – l’armatore del primo Fiart 43 Seawalker ha optato per gli IPS 600.

Fiart Mare

1960: Fiart Mare cavalca l’onda dello sviluppo tecnologico, realizzando, per prima in Europa, una barca con un materiale per il tempo assolutamente innovativo, che ha fatto compiere alla nautica un balzo epocale: la vetroresina. Lo scafo era quello di un piccolo open di 3,60 m, Concita.

2020: a distanza di 60 anni, dopo oltre 150 modelli di puro made in Italy nautico interamente progettato e costruito nelle proprie strutture, apprezzato e venduto in migliaia di esemplari in ogni parte del mondo, il Gruppo Fiart Mare conferma la sua leadership tecnologica, continuando a realizzare motoryacht che rappresentano il meglio della produzione mondiale. Fiart Mare offre oggi due gamme d’imbarcazioni, Fiart e Cetera, comprese fra i 33 e i 60 piedi di lunghezza per appassionati del mare a 360°, armatori che vogliono viverlo toccando con mano la qualità di ogni particolare presente a bordo. Barche per chi ama divertirsi al timone, per chi ricerca sicurezza e affidabilità, per chi apprezza il concetto di barca/casa che solo Fiart, pur nella sportività dei propri modelli, riesce a garantire: barche dai volumi insospettabili, dalle superfici sfruttate in maniera sorprendente, alle quali il cantiere può donare un livello di personalizzazione tale da assicurare a ciascun armatore non una barca ma il suo Fiart.

fonte www.pressmare.it/

Notizia interessante

Video.IL GONFALONE RESTAURATO DA LUCIA GRECO DEL COMUNE DI BACOLI

IL GONFALONE RESTAURATO DA LUCIA GRECO DEL COMUNE DI BACOLI IL SINDACO JOSI DELLA RAGIONE …