Home » Dialetto » ‘A Semmana Muntese, n.6 – Ora legale e bufera di vento, i nuovi fattarielli dialettali letti ed interpretati dal nostro montese d.o.c.

‘A Semmana Muntese, n.6 – Ora legale e bufera di vento, i nuovi fattarielli dialettali letti ed interpretati dal nostro montese d.o.c.


L’obiettivo primario di questa rubrica, che si basa sulla pubblicazione in versione dialettale (e colorita) delle principali notizie pubblicate da montediprocida.com, è quello di conservare e diffondere il nostro dialetto riportandolo all’attenzione, soprattutto delle nuove generazioni.

L’audio con la lettura dialettale e la straordinaria interpretazione dei “fètti” sono opera di un nostro compaesano d.o.c. che per il momento vuole restare anonimo.

— Ora legale e bufera di vento a Monte di Procida

Joie nun è propeto jurnata, stongo troppo ndussècata.
Eh, rummeneca passèta comme ‘a tutte re sante rummeneca me so’ aianzata e so’ ghiuta ‘a sentì ‘a messa.
So’ trasùto rend’a gghièsa e nu pòco e nèndu pòco, ‘a messa n’accummezzave maje.
Me so’ avutata ra’ ccò, me so’ avutata ra’ llò, uè nun ce steve nisciune, mènco ‘u parrucchiano. Po’ è arrivata Filumèna e c’ho addimandète: “nè Filumè ma quanne accumenze sta messa?” E chera m’ha ritto: “ma tu nun re sèpe ca mo’ ce stò dd’ora arrèto e manca ancòra mezz’ora p”a messa?
Allora, quanne so’ gghiuta a casa, o pigghietò ‘u riloggio e l’ho purtèto arrèto. Puozze schiattò, chire pure stu chiuvo re maritemo avèva fètto ‘a stessa còse e ‘u riloggio ièva doje ore arrèto.
Accussì quanne e dunurì a matina jè rurmèva, rumèrva e ‘a svegghia nun sunava, mènco stu piecuro ru vèddo ha cantèto, puozze sculò pure a isso. Quanne me so’ aianzata era già schiarèto iuorno, e ho ‘ndiso nu casino fore, ‘a porta ca tangheniava… me so’ affacciata ‘ngoppo ‘u vèfio mio e ce steve nu viento ca me faceva ngrifò ‘i capi, nu viento ca ciusciava a ciente migghia add’ora, sbuffava e arrevutava tutto cose come a ‘na cole re zefera . A ‘ntrasatta, me steve pigghianno nu pànteco, me so’ addunata ca ‘u viento s’era purtèto ‘u megghio fierzo ru curredo, na cammisa re fanedda, 4 maccatore e pure re mutande re lana. Maronna, Marò!
Ho scèteto a stu piecoro e c’ho ritto: “uagliò, aiènzete e va currianno pe’ tutto ‘u paese e puorteme ‘u fierzo e tutte cose arrèto!”.
Ma stu frecietò, chire nun è buono mènco a iardere, nun ‘ha truvete niènde, mènco ‘na mutanda. S’é pure ntussecheto: eh Mari’ chire ce sto nu revuote p”a via: piezze re d’ésteche carute, piante e vaddinere abbudechete, ‘u muro curriale scarrupete… Je ch’eva truvò?!
Nun me ricie niènde, sto troppo arraggiata!

Leggi ed ascolta tutti gli altri fattarielli in dialetto montese pubblicati nei numeri precedenti

— Pasquale Mancino



Commenti:

Notizia interessante

Stato della caldera flegrea, rassicurazioni dai tecnici. Il resoconto del sindaco Pugliese

Questa mattina a Pozzuoli insieme agli altri Sindaci Flegrei abbiamo incontrato i vertici nazionali della …