Home » Dialetto » Dialetto, un utile glossario per la traduzione delle notizie della Semmàna muntèse

Dialetto, un utile glossario per la traduzione delle notizie della Semmàna muntèse

A seguito della pubblicazione del primo numero del notiziario in dialetto nostrano ed il successivo audio con la lettura ed interpretazione da parte di un nostro compaesano, alcuni utenti ci hanno chiesto di tradurre in italiano alcuni termini e modi di dire per comprendere al meglio tutte le espressioni dialettali.

Da qui l’idea di creare una sorta di glossario con i vocaboli ed i modi di dire che man mano saranno proposti attraverso i nuovi numeri della rubrica ” ‘a Semmàna muntèse“.

Al momento nel glossario, per facilitare a tutti la traduzione, ci saranno solamente i termini utilizzati nel primo numero, poi man mano lo arricchiremo, gli dedicheremo una sezione separata, fino a farlo diventare consistente e forse qualcuno si offrirà pure di trasformarlo in dizionario (magari!).

Di seguito, ancora una volta le prime news dialettali, l’audio delle stesse ed a seguire il glossario dei termini.

‘Nzerrata ‘a viaré arreto ‘a Torre
Ioje hanno ‘nchiuso ‘u viuottolo ca porta adderete ‘a Torre. Pare ca ‘na fèmmena re llò, roppo anne re sfetecamiento, s’è sceteta c”u quèrto, ha ‘mmezziato tutto ‘u riciètto e l’hanno ‘nzerrata bòna e megghio. Ma pare pure ca chesta fèmmena tene iusso pecché ha vinciuto pe ‘mmano ‘i tribbunale roppo ch’è asciuta ‘nfièto c”u cumune ‘i vacule. A còrpa cchiù ròssa è di guvernènte e di capuzziè ca fino a mò nun hanno apparato stu uaie.
‘Nsomma ‘u patemiento ruosso è ‘u nuosto; re nuje muntise c’ausamme chesta viaré pe ghì a Pezzùle, a Nèpule, ‘u spitale e ‘a tutte pizzo.
Mo’ sadda passà e spassà pe bascio ‘u Mazzone, ma llà se ‘ntasa sempe ‘a via e quanne chiove, ‘a chiàveca ‘ngotta, ‘a latrina sbotta e ‘u fièto iàrda dd’uòsemo.
E chi ‘u sape mò, fino a quanno àmma purtà sta bella roce!

Ioje o Joje o ghiòje: oggi, il giorno in corso. In genere identifica le ore pomeridiane.
Viuottolo: piccola stradina
Adderete: dietro
Fèmmena: donna
re Llò o re Llà: del luogo
Roppo: dopo
Sfetecamiento: si riferisce al fegato, al patimento di chi è sottoposto a lunghe sopportazioni senza reagire.
Scetata: svegliata
C”u quèrto o c”u quièrto: si riferisce alla fase lunare. In questo caso significa svegliarsi di cattivo umore.
‘Mmezziato o ‘mmezzièto: sobillato
Riciètto: in questo caso “il vicinato”
‘Nzerrata: chiusa
Megghio: meglio
Iusso: il diritto legale
Pe ‘mmanno ‘i tribbunale: con una sentenza
Asciuta ‘nfièto: fare una causa legale
Vacule: Bacoli
Còrpa: colpa
Ròssa: grande
Uaie: guaio
Ruosso: grosso
Viarè: stradina
Ghì o J’ o i’: andare
Pezzùle: Pozzuoli
Nèpule: Napoli
Spitale: Ospedale
Tutte pizzo: in ogni luogo
Passà e spassà: andare e ritornare
Chiove: piove
‘ntasa: intasa
Chiàveca: fogna
‘Ngotta: si gonfia
Latrina: pozza di raccolta liquidi
Sbotta: fuoriesce
Fièto: puzza
Iàrda: brucia
Uòsemo: olfatto
àmma: dobbiamo
Purtà: portare
Roce: croce

Iettate 4 rote abbascio ‘u mare
Stammatina, propeto sotto ‘u cammusante, hanno truvèto 4 rote re carretta senza cavè. Quacche trappàno, perecchiuso e senza scuorno l’ha lassète annascòse adderete a ‘na pianta e se ne fiùto. Mò re guardie stanne verenno re capì chi pò essere stèto a fà sta purcarìa e si ‘u ‘ncòcciano ‘u fanno ‘na bella scutuliàta.

Stammatina: stamattina
Propeto: proprio
Cammusante: cimitero
Truvèto: trovato
Rote: ruote
Carretta senza cavè: carrozza senza cavallo. Un tempo si riferiva ai primi tram elettrici poi usato anche per le automobili
Trappàno: cafone
Perecchiuso: pidocchioso nel senso di tirchio.
Scuorno: vergogna
Lassète: lasciate
Annascòse: nascoste
Fiùto: scappato
Purcarìa: porcheria nel senso di atto sporco, vile
‘Ncocciano: prendono
Scutuliata: bastonatura, ma in questo caso si riferisce allo scuotere qualcuno a testa in giù per fargli fuoriuscire tutti i soldi che porta addosso.

Nu paisano è caruto ‘a coppo ‘u muolo
Musèr nu paisano nuosto pe tramente passiava ‘ncoppo ‘u muolo re vascio ‘u mare è iuto a fernì ra coppabbèscio, propeto ‘ncoppo i scuogliè e se struppièto malamente. Stu pover’ommo s’è spezzèta ‘na cossa e l’hanno purtèto ‘u spitale re subbèto. Mò però è nu uaione pecchè ra nu poco re tiempo a sta parte ‘u sinneco ‘a mise na chioppa re cartièlle pe dicere ca ‘ncoppo ‘u muolo nun se pò cchiù ghì a spassià.

Musèr: stasera
Pe tramente: nel mentre
Passiava: passeggiava
Iuto: andato
Fernì: finire
Coppabbèscio: dall’alto al basso
Struppièto: si è fatto male
Spezzèta: spezzata, fratturata
Cossa: coscia
Chioppa: una coppia, un paio
Spassià: passeggiare

Segnalate se ci sono altri termini che non vi sono chiari.

Pasquale Mancino
made with <3

Commenti:

Notizia interessante

Rubavano rame e portafiori di notte nel cimitero di Cappella, arrestato un uomo un altro ricercato

Bacoli. Ha rubato portafiori e oggetti di rame dal cimitero. I carabinieri arrestano un 34 …