Home » Dialetto » ‘a Semmana Muntese, letta ed interpretata in dialetto da un montese d.o.c. Da ascoltare assolutamente!

‘a Semmana Muntese, letta ed interpretata in dialetto da un montese d.o.c. Da ascoltare assolutamente!

Un nostro utente di Monte di Procida ci ha omaggiato con la sua lettura ed interpretazione delle notizie della prima edizione della rubrica de ” ‘a Semmana Muntese” dedicata alla riscoperta ed alla tutela del nostro dialetto.

Nonostante le registrazioni siano state realizzate con mezzi semplici (un telefonino), la geniale interpretazione del nostro compaesano e la musicalità del nostro dialetto hanno prodotto un risultato davvero straordinario e sorprendente e non si può far a meno di ascoltarle e riascoltarle più volte ripensando al passato, a conoscenti che usavano quelle stesse parole, quegli stessi modi di esprimersi e comunicare. Un vero viaggio nel tempo che farà piacere un po’ a tutti.

Sotto ad ogni “nutizia” c’è il player audio, cliccate sul simbolo del “play” (il tringolino bianco) ed ascoltate attentamente.

‘Nzerrata ‘a viaré arreto ‘a Torre
Ioje hanno ‘nchiuso ‘u viuottolo ca porta adderete ‘a Torre. Pare ca ‘na fèmmena re llò, roppe anne re sfetecamiento, s’è sceteta c”u quèrto, ha ‘mmezziato tutto ‘u riciètto e l’hanno ‘nzerrata bòna e megghio. Ma pare pure ca chesta fèmmena tene iusso pecché ha vinciuto pe ‘mmano ‘i tribbunale roppo ch’è asciuta ‘nfièto c”u cumune ‘i vacule. A còrpa cchiù ròssa è di guvernènte e di capuzziè ca fino a mò nun hanno apparato stu uaie.
‘Nsomma ‘u patemiento ruosso è ‘u nuosto; re nuje muntise c’ausamme chesta viaré pe ghì a Pezzùle, a Nèpule, ‘u spitale e ‘a tutte pizzo.
Mo’ sadda passà e spassà pe bascio ‘u Mazzone, ma llà se ‘ntasa sempe ‘a via e quanne chiove, ‘a chiàveca ‘ngotta, ‘a latrina sbotta e ‘u fièto iàrda dd’uòsemo.
E chi ‘u sape mò, fino a quanno àmma purtà sta bella roce!

Iettate 4 rote abbascio ‘u mare
Stammatina, propeto sotto ‘u cammusante, hanno truvèto 4 rote re carretta senza cavè. Quacche trappàno, perecchiuso e senza scuorno l’ha lassète annascòse adderete a ‘na pianta e se ne fiùto. Mò re guardie stanne verenno re capì chi pò essere stèto a fà sta purcarìa e si ‘u ‘ncòcciano ‘u fanno ‘na bella scutuliàta.

Nu paisano è caruto ‘a coppo ‘u muolo
Musèr nu paisano nuosto pe tramente passiava ‘ncoppo ‘u muolo re vascio ‘u mare è iuto a fernì ra coppabbèscio, propeto ‘ncoppo i scuogliè e se struppièto malamente. Stu pover’ommo s’è spezzèta ‘na cossa e l’hanno purtèto ‘u spitale re subbèto. Mò però è nu uaione pecchè ra nu poco re tiempo a sta parte ‘u sinneco ‘a mise na chioppa re cartièlle pe dicere ca ‘ncoppo ‘u muolo nun se pò cchiù ghì a spassià.

 

Commenti:

Notizia interessante

DISAGI PER LE PROSSIME STRADE CHIUSE parla FRANCESCO PAOLO IANNUZZI.VIDEO

I nostri comuni si stanno organizzando? Un semaforo fino a Natale invia Giulio Cesare La …