Home » Calcio » L’ex calciatore Pasquale Cardamuro torna a Pagani dopo 30 anni intervista di Paganesemania

L’ex calciatore Pasquale Cardamuro torna a Pagani dopo 30 anni intervista di Paganesemania

REWIND – CARDAMURO E LE EMOZIONI AZZURROSTELLATE: “PIANSI AL MIO ARRIVO E L’ANNO SCORSO QUANDO TORNAI”

di Barbara Ruggiero @Paganesemania da www.paganesemamania.it

«Tre anni indimenticabili. Un’emozione unica tornare dopo trenta anni dove ho lasciato il cuore». Pasquale Cardamuro non nasconde il suo legame con Pagani: «Sono tornato lo scorso anno per la presentazione del libro ed è stata un’emozione troppo bella, lo ripeto sempre». In azzurrostellato dal 1984 al 1987, Cardamuro, dopo aver appeso le scarpette al chiodo, gestisce un’attività commerciale nel napoletano, a Torregaveta.
Qual è l’emozione più bella degli anni in azzurrostellato? «Tante. Sono arrivato a Pagani che ero un ragazzino, non avevo ancora venti anni. Potete immaginare che periodo. Arrivai quando Angelo Mammì allenava la Paganese. Giocavo nella Primavera dell’Avellino e venni a Pagani quasi a malincuore: sapevo che c’erano varie richieste per me e puntavo a uscire fuori regione. Poi, spinto anche dai dirigenti irpini che avevano buone amicizie a Pagani, accettai la corte della Paganese: arrivai in prestito. Mi feci qualche pianto all’inizio anche perché non ero ancora un calciatore maturo, ma poi mi convinsi della scelta. E devo dire che, pur non avendo vissuto annate storiche per la città, mi sono trovato proprio bene».
Qual è il rapporto umano più bello dell’esperienza a Pagani? «Ce ne sono tanti. C’erano tante persone che gravitavano intorno alla Paganese. E parlo anche di semplici cittadini e tifosi con cui ti fermavi sempre a chiacchierare, che ti facevano sentire parte di una famiglia. Lo scorso anno, quando sono tornato per la presentazione del libro, mi salutavano in tanti e io, facendo mente locale, mi sono reso conto di quanti anni erano passati: ho ritrovato, dopo trenta anni, tutti quelli che ci volevano bene e ci seguivano sempre. Nel caldo conta dare sempre il massimo in mezzo al campo e onorare la maglia che si indossa. E poi c’è il rapporto con i tifosi: bello anche se non sono stato a Pagani in una di quelle annate da incorniciare».
Segue sempre le sorti della Paganese? «Sono tifoso del Napoli e della Paganese. E ho una simpatia particolare per tutte le squadre in cui ho giocato. Mi aggiornano molto alcuni miei amici anche su Facebook. Mi spiace sapere che quest’anno ci siano poche persone che seguono la squadra in casa, è un’annata particolare. Pagani è una grande piazza e dovrebbe avere un maggiore seguito, la categoria è ottima per la città. Speriamo bene per il futuro: la serie C sa dare soddisfazioni a un pubblico esigente».

Articolo pubblicato su concessione di Pasquale Cardamuro

Commenti:

Notizia interessante

Ginnastica aerobica, Monte di Procida sul tetto d’Italia

GINNASTICA AEROBICA, MONTE DI PROCIDA SUL TETTO D’ITALIA di Rosario Pitton Al Pala Pippo Coppola …