Home » Cronaca » Facebook e un amico di Salvatore Parolisi nell’incidente della Smart tra Fusaro e Cuma.

Facebook e un amico di Salvatore Parolisi nell’incidente della Smart tra Fusaro e Cuma.

Bacoli. Sicuramente ricorderete la vicenda di venerdi scorso dell’incidente della Smart tra Fusaro e Cuma,in cui l’auto e il suo conducente finirono la loro corsa in un campo e una coppia  all’ospedale.

La storia si riempe  ora si riempe di altri particolari.

Riacoascoltato come persona informata dei fatti nelle indagini per l’omicidio di Melania Rea, oggi si ritrova protagonista di una vicenda di amore e stalking. È Raffaele Paciolla, l’agente di polizia penitenziaria di Ascoli Piceno originario di Caivano, amico di Salvatore Parolisi.

Tutto nasce dal suo legame con A.S., una 29enne di Varcaturo. Il marito di lei, , non riusciva ad accettare la fine della sua relazione e soprattutto che la sua consorte, dopo avergli rifiutato il terzo erede per anni, aveva deciso di tenere il bambino che attendeva proprio da Paciolla.

La giovane donna e l’agente della penitenziaria si erano conosciuti su Facebook. Dopo un periodo di amicizia virtuale decidono di incontrarsi, di vedersi. Con il tempo tra i due nasce l’amore. La storia dura un bel po’ fin quando la giovane donna, già mamma di due figli, trova il coraggio di confessare al marito che aspettare un bambino dal nuovo compagno. L’uomo che non vuole perdere la moglie, comincia a contrastare in tutti i modi la loro relazione. La donna però non si fa intimorire e denuncia il coniuge ai carabinieri. Ma Paciolla l’altra sera si presenta alla porta dell’amante a Varcaturo, con il chiaro intento di denunciare, ancora una volta il marito della donna e portarla via.

La coppia quindi, si allontana dalla casa di lei e si mette in auto verso la Caserma di Lago Patria. Ma l’ex non ci sta ed è così che comincia ad inseguire la coppia di amanti lungo via Domitiana. L’uomo alla guida della sua Smart comincia a tamponare ripetutamente la Ford Focus con a bordo i due amanti. Dall’auto intanto Paciolla e la donna chiamano il 112 e fanno una netta inversione di marcia per giungere a Pozzuoli. L’ex, non li perde di vista e continua a tamponarli fino a quando, giunti a Bacoli, perde il controllo del mezzo finendo fuori strada. I carabinieri della tenenza di Varcaturo guidati dal maresciallo Michele Membrino arrivano quindi sul posto e arrestano il 34enne.

fonre www.ilmattino.it

Commenti:

Notizia interessante

Sport. Inaugurato a Monte di Procida il primo Centro Federale Coni dell’area flegrea, soddisfatto il Sindaco Pugliese

A Monte di Procida inaugurato ufficialmente oggi 15 settembre il primo Centro Federale Coni dell’area …