Home » Ambiente » Ciclo integrato dei rifiuti: Monte di Procida rifiuta l’accordo di programma predisposto dalla Provincia .

Ciclo integrato dei rifiuti: Monte di Procida rifiuta l’accordo di programma predisposto dalla Provincia .

Ciclo integrato dei rifiuti: Monte di Procida rifiuta l’accordo di programma predisposto dalla Provincia di NapoliIl consiglio comunale di Monte di Procida ha bocciato all’unanimità l’accordo di programma predisposto dalla Provincia di Napoli in merito alla costituzione di un’area domitio-flegrea in materia di ciclo integrato dei rifiuti. Eterogeneità dei territori chiamati a comporre il previsto ambito domitio flegreo e inidoneità, per molti studiosi, dell’utilizzo del compost fuori specifica per rinaturalizzare cave abbandonate e dismesse in quanto materiale organico fortemente inquinato: queste alcune eccezioni sollevate dai quattro comuni flegrei che hanno invece confermato la disponibilità ad avviare un piano di fattibilità per la piena autonomia di gestione del ciclo integrato dei rifiuti prodotti nel comprensorio flegreo, escludendo tassativamente l’insediamento di discariche o siti di smaltimento di alcun genere. Il documento condiviso da Monte di Procida, Pozzuoli, Bacoli e Quarto sottolinea invece la necessità di utilizzare i fondi pubblici previsti in modo da sostenere ed incentivare la raccolta differenziata, la realizzazione di siti di compostaggio nonché la realizzazione di piattaforme per la separazione dei rifiuti. “Siamo disposti a collaborare con la consapevolezza che ognuno è chiamato a dare il proprio contributo- ha detto il Sindaco Franco Iannuzzi- questo deve però avvenire nell’ambito di un equilibrio territoriale con una piena collaborazione istituzionale. Ringrazio tutte le forze politiche del consiglio comunale di Monte di Procida che si è dimostrato unito e compatto sulla questione affrontata”. La delibera così approvata richiede alla Regione Campania e alla Provincia di Napoli un adeguamento normativo in materia di gestione, trasformazione e riutilizzo dei rifiuti in vista della prossima soppressione delle province e la costituzione di ambiti territoriali ottimali in modo da garantire l’autosufficienza nel trattamento e smaltimento dei rifiuti urbani non pericolosi.
Fermo e deciso il rifiuto di un sito di smaltimento in località Castagnaro o comunque in ogni altro sito all’interno dell’ambito. Per questo motivo infatti il Sindaco di Monte di Procida parteciperà alla fiaccolata per la salute pubblica prevista lunedì 27 febbraio a Quarto.\
COMUNICATO STAMPA
.

Monte di Procida, 25 febbraio 2012

Commenti:

Notizia interessante

Depuratore di Cuma. Un sistema di monitoraggio per i cattivi odori

Licola avrà un sistema di monitoraggio per i cattivi odori nei pressi del depuratore di …