Home » Internet » NASCE A MDP LA BOTTEGA DI OVERART

NASCE A MDP LA BOTTEGA DI OVERART

(Monte di Procida)- L’idea di Aldo Sasso, fondatore di Overart, insieme ad un nutrito gruppo di artisti ed amici, tra cui Palma Di Meo, Nicola Magliulo, Giuseppe Massa, Aldo Maturano, è chiara, ed è lui, il maestro Sasso a parlarci degli scopi che Overart si propone di raggiungere.
Nato ad Addis Abeba 67 anni fa e cresciuto artisticamente prima come allievo di Giacometti e Carlo Verdecchia, Antonio Rega e Pasquale Monaco, frequenta lo studio di Luigi Parigino per la ceramica ed affina le sue conoscenze nelle botteghe artigiane del centro storico di Napoli: per lui l’associazione deve diventare “un polo d’arte, ma di qualità”, fatto da chi ha il talento nell’anima o nel cervello, a seconda dei punti di vista, ma anche tecnica nelle mani. Insomma, “no perditempo né artisti della domenica” è il messaggio del maestro, ma anche un altro: “La diffusione dell’arte, e soprattutto della cultura, il cui livello, negli ultimi dieci anni, penso sia stato oggetto di una caduta verticale”.

Non è snobismo, come potrebbe sembrare, è semplicemente la voglia di dare, o se vogliamo restituire, a Cesare quel che è di Cesare, in un panorama dove, appunto, di cultura si sente parlare troppo spesso a sproposito, come simbolo vendibile e, ahinoi, svendibile, senza avere la capacità, però, di “riempire” il simbolo con un concetto ed un contenuto adeguati, con la conseguenza che tutti, anche senza conoscenze né specifiche né generiche, senza la fatica, il vissuto che portano alla maturità artistica e del pensiero, ritengono di potersi improvvisare pittori, piuttosto che ceramisti, poeti, scrittori o quant’altro. E certamente il fenomeno mediatico che “vende” un certo tipo di pastone spacciandolo per cultura ha, in questo, tutti i suoi demeriti.

Domenica la bottega di Overart, ha visto la luce: alle spalle ha, comunque, esperienze e competenze decennali e di indiscussa rilevanza.
Il laboratorio è stato presentato nel corso di un incontro, “Arte e Parole”, con il patrocinio della Provincia di Napoli, a cui sono intervenuti, in qualità di relatori, Nicola Magliulo e Mimmo Grasso.
E, per dare “parole stilistiche” all’arte, all’interno del capannone che, a Cappella ospita l’associazione, è stata allestita una mostra di pittura, ceramica ed oggettistica, con opere di Ferdinando Ambrosino, Vincenzo Aulitto, Augusto Massa, Giuseppe Massa, Elio Mazzella, Adele Monaco, Luigi Mazzella, Libera Colandrea, Paola Conforti, Patrizia Contessa, Palma Di Meo, Aldo Sasso.

Fabiana Scotto di Perta

Commenti:

Notizia interessante

BAIAExperience. Un virtual tour per rivivere lo splendore del passato.

BAIAExperience – Viaggio virtuale nelle Terme Sommerse di Baia è il primo tour di realtà …